immagine

immagine

lunedì 4 aprile 2016

R.P. M.L. Guérard des Lauriers : “Le Messe tradizionali, celebrate con menzione di Giovanni Paolo II nel corso del Te igitur”.

*

« […] Sodalitium: Cosa ne pensate delle Messe tradizionali celebrate da dei sacerdoti che, pur essendo critici nei riguardi di Roma, sostengono che Giovanni Paolo II è veramente Papa e lo nominano nel Te igitur, nel corso del Canone della Messa?

giovedì 18 febbraio 2016

Abbé Bernard Lucien: «Permanenza materiale della gerarchia»

Nota: Si riporta in traduzione il capitolo X del volume dell'allora Abbé Lucien La situation actuelle de l'autorité dans l'Église. La Thése de Cassiciacum, 1985, pp. 97-103.

sabato 13 febbraio 2016

R.P. M.L. Guérard des Lauriers : “Monsignore, non vogliamo questa pace” [ritradotta]

La recente (e credo finora unica) traduzione della Lettera, qua e pubblicata in rete, e che a sua volta sembra si riferisca ad un’altra traduzione inglese, obbligava che qualcuno provasse a tentarne di nuovo una versione dal testo originale francese, tutt’ora facilmente – e autorevolmente – reperibile on-line [*].

Sia consentito dire che migliorare un poco dalla precedente non richiedeva granché; così, se della presente traduzione potrà dirsi tutto meno che sia impeccabile, non potrà negarsi l’intenzione di voler essere stata almeno aderente al testo.

________________________________

[*] http://www.sodalitium.eu/index.php?pid=78

R.P. M.L. Guérard des Lauriers, o.p. : «Sulla nozione d’infallibilità»

Nella nota nr. 3 dell’articolo dedicato da Don Belmont alla “teologia” di Mons. Williamson, si rinviava a un testo del R.P. Guérard des Lauriers dedicato alla nozione di infallibilità magisteriale, qui ora tradotto e postato per completezza di riferimenti.
Dall’Enciclopedia Cattolica: «foro; foro interno; foro esterno».

Si riporta di seguito il testo della voce “Foro” contenuto nell’Enciclopedia Cattolica (1950), nel quale viene tracciata schematicamente la differenza tra le nozioni di foro interno e foro esterno, e delle loro relazioni reciproche. Gioverà porselo davanti quando si dovrà verificare il significato di quei termini, (non troppo) spesso chiamati in causa nelle argomentazioni addotte, a favore o a sfavore, della validità e legittimità dell’esercizio e del ricorso sacramentale, in questi anni di crisi nella Chiesa.
Abbé Belmont : «La giurisdizione in tempo di crisi»

Nota: Di seguito la traduzione di un articolo di Don Hervé, utile per orientarsi nella questione della validità/liceità delle Confessioni amministrate oggi dai sacerdoti privi di giurisdizione.

Ancora ultimamente un sacerdote della fsspx, don Mauro Tranquillo, è intervenuto nel merito ripetendo le stesse e discutibili argomentazioni da sempre correnti nella fsspx: argomentando cioè a favore di una “giurisdizione di supplenza” che però - come ben dice l’Autore più sotto - in realtà non esiste né è mai esistita nella Chiesa, essendo cosa ben diversa dalla supplenza di giurisdizione di cui qui si discute. 

Sempre a tali argomentazioni ha, tra l'altro, di nuovo brevemente ribattuto anche Don Francesco Ricossa (richiamando, oltre che i principi, la posizione di Don Tranquillo) nel convegno di Milano del 2014 dedicato alla Tesi di Cassiciacum (cfr. trascrizione, obiezione n. 7, in cui viene addotta una citazione assai esplicativa dalla Summa theologiae moralis, 1935, del B. H. Merkelbach o.p.).

Le note al testo, come la breve introduzione di sotto, sono dello stesso Belmont.
«La Tesi di Cassiciacum ieri e oggi. La Chiesa ai tempi di Jorge Mario Bergoglio»

Parte II
(obiezioni e risposte, dalla n. 6 alla n. 10)


Nota : Il testo seguente consiste nella seconda parte della trascrizione (da registrazione personale) degli interventi estemporanei di risposta di Don Francesco Ricossa nella 2° parte del XIII convegno di Studi Albertariani (Milano 15 Novembre 2014). (Qui la prima parte).